Community Manager_ aziende

Perché la tua azienda ha bisogno di un Community Manager

113 Flares 113 Flares ×

Se ti stai chiedendo se investire nel Social Media Marketing per la tua azienda, vuol dire che hai bisogno di un cambio di prospettiva.

La domanda da porsi in questo periodo non deve vertere tanto su “se investire” o meno, ma piuttosto su “come investire”. Programmando per uno dei prossimi articoli un approfondimento su “come investire”, oggi voglio darti una mano a comprendere l’importanza per la tua azienda di prevedere una presenza strategica sui Social Media, e del come un Community Manager può aiutarti nel raggiungere questo obiettivo.

Per far ciò, ho deciso di elencarti 8 motivi per i quali la tua azienda non può fare a meno di un Community Manager.

1. La tua azienda ha bisogno di una Social Media Strategy

Forse la tua azienda ha già una presenza sui canali social. Molto probabilmente hai già una pagina Facebook tramite la quale comunichi i tuoi prodotti o servizi.

Questo è già un buon punto di partenza. Molto probabilmente però stai sottraendo al tuo brand una serie di opportunità presenti altrove, che non aspettano altro di essere colte e sfruttate. Di cosa sto parlando? Mi spiego subito: aprire una pagina Facebook non vuol dire che stai investendo bene i tuoi soldi.

Per investire al meglio il budget che hai deciso di destinare a queste attività, hai bisogno di una Social Media Strategy, ovvero di una strategia che ti aiuti a definire quali sono i canali migliori per il tuo brand (nel tuo caso, ad esempio, Facebook potrebbe essere il social meno adatto), in che modo presidiare i social selezionati, come la tua azienda deve comunicare con le persone, se prevedere un investimento media (sfruttando i sistemi di advertising nativi dei Social Media), di cosa parlare (content strategy) o ancora quali attività implementare durante un periodo medio-lungo.

Come vedi, se vuoi davvero avere una buona presenza sui Social Media e raggiungere obiettivi concreti, hai bisogno di effettuare un’importante analisi a monte, definire degli obiettivi raggiungibili e misurabili. Un buon Community Manager può essere un tuo prezioso alleato.

2. Se la tua azienda è la regina, il contenuto è il suo re

Quando all’inizio hai aperto la tua pagina Facebook era tutto rose e fiori: le persone interagivano e partecipavano alle conversazioni attivate da te. Poi qualcosa è andato storto, un po’ alla volta queste persone sono diminuite sempre di più, fino ad arrivare a un numero misero e di poco conto. Perché è successo tutto ciò?

Perché hai iniziato a condividere contenuti poco attraenti e di nessun valore per i tuoi fan. Contenuti che non solo non spingono le persone ad interagire, ma che addirittura possono danneggiare l’immagine della tua azienda. Se pensi che sui social siano i contenuti (testi, immagini, video, link, gift, ecc.) a veicolare i valori di una marca, puoi comprendere facilmente il danno che stai apportando al tuo brand.

Anche in questo caso, un Community Manager preparato può esserti d’aiuto, puoi aiutarti a strutturare una strategia di contenuto a lungo termine e a creare contenuti originali e di interesse per la tua community.

3. Costruiamo l’immagine adeguata della tua azienda

La tua azienda è ciò che le persone percepiscono di essa. Rifletti per un secondo su questa frase. Molto probabilmente se ti chiedessi di raccontarmi l’identità della tua azienda, lo faresti in modo chiaro, senza nessuna esitazione.

Ora ti chiedo: sei sicuro di comunicare il tuo brand in modo efficace anche sulla tua pagina Facebook? Sei certo di declinare al meglio l’immagine della tua azienda anche sui Social Media? Molto probabilmente hai bisogno di qualcuno che, insieme ad altri professionisti – come ad esempio un grafico – possa aiutarti a declinare al meglio l’immagine del tuo brand sui social.

Ancora una volta, il Community Manager è la persona alla quale puoi rivolgerti.

4. Meglio analizzare che curare

Abbiamo già detto che la tua presenza su Facebook può essere buon punto di partenza. Sulla tua pagina sei impegnato con una serie di attività che speri portino a qualche risultato.

Stai quindi investendo una parte del tuo tempo – e dei tuoi soldi – nella gestione di questo canale. Ora ti chiedo: stai misurando i risultati dei tuoi sforzi? Ma soprattutto, hai fissato degli obiettivi da misurare? Sapresti come analizzarli?

Sui Social Media l’analisi è un’attività di fondamentale importanza. Ti aiuta a capire se i tuoi investimenti (tempo, denaro, risorse) sono efficaci oppure no. Ecco che ancora una volta un Community Manager può venire in soccorso, aiutandoti ad analizzare e misurare le attività svolte sui social.

5. Sei vicino ai tuoi clienti, cosa aspetti a parlare con loro?

Le persone usano i Social Media per comunicare con i loro amici e con i brand che amano. Forse lo hai notato anche tu.

Sulla tua pagina Facebook le persone chiedono informazioni in merito ai tuoi prodotti o servizi, esprimono un apprezzamento o una critica, insomma interagiscono con la tua azienda. Stai rispondendo alle loro richieste? Come lo stai facendo? Stai fornendo la giusta assistenza? Molto probabilmente la tua azienda non sta dando il giusto valore al contatto che avviene con i fan sui canali social.

Questo può essere un grave errore, perché fornire un giusto servizio di social customer care – che sia cortese, veloce, pertinente – può avere un grosso impatto sul tuo brand. Per definizione, il Social Media Community Manager è colui che gestisce le community sui canali social, ancora una volta quindi è la persona giusta per te.

6. Hai bisogno di qualcuno che ti tiri dai guai

Scommetto che qualcuno ha lasciato sulla tua pagina Facebook una critica contro la tua azienda. Un prodotto difettato, una spedizione non andata a buon fine e così via.

Forse la prima cosa che hai fatto è stato cancellare quel commento. Ti sembrava pericoloso, avrebbe potuto influenzare anche gli altri fan e dar vita a un passaparola negativo. Ti sei trovato nei guai e hai pensato che in questo modo ne saresti uscito senza problemi.

Purtroppo non è stata la scelta giusta. Perché? Perché quella critica poteva essere trasformata in un’opportunità per mostrare la volontà della tua azienda di ascoltare i suoi clienti. Sarebbe stato meglio gestire quel focolaio di crisi fornendo assistenza con cautela, in modo strategico.

Il vantaggio sarebbe stato enorme per la tua azienda, perché avresti potuto influenzare la percezione che le persone hanno di essa. Da un quadrante negativo, avresti spostato il tuo brand in uno positivo.

Per evitare di trovarti di nuovo in questa situazione e commettere gli stessi errori, affidati a un Community Manager preparato, è colui che ti tirerà fuori dai guai.

7. Lavoriamo sulle percezioni

Abbiamo detto poco fa, che la tua azienda è ciò che le persone percepiscono di essa.

Sui Social Media si lavora molto sulle percezioni. Per farlo al meglio bisogna costruire una buona visual identity, degli ottimi contenuti, fornire assistenza in modo adeguato. Tutto ciò di cui abbiamo parlato poco fa. Il Community Manager ha la sensibilità giusta per estrapolare dalla tua marca gli aspetti positivi – legati ai prodotti, ai valori, ecc. – e comunicarli in modo adeguato, così da imprimere nella mente delle persone l’idea migliore del tuo brand.

Questo lavoro, se realizzato in modo efficace, può avvicinare la tua azienda ai suoi potenziali clienti.

8. Meglio affidarsi a un professionista

L’errore è sempre dietro l’angolo, soprattutto quando non si hanno le competenze per fare un determinato lavoro.

Evita quindi di gestire da solo la tua presenza sui canali social, ma soprattutto stai alla larga da persone incompetenti che possono soltanto arrecare un danno alla tua azienda. Nelle settimane score abbiamo pubblicato due articoli che possono aiutarti a chiarire un po’ le idee in fase di selezione di un Community Manager: uno lo trovi qui e un altro qui.

Spero di averti aiutato a cambiare prospettiva e a comprendere ciò che un Community Manager può fare per la tua azienda.

Photo credits.

113 Flares Twitter 0 Facebook 64 Google+ 0 Pin It Share 3 LinkedIn 25 Buffer 21 113 Flares ×

Related Posts

2 comments

  1. Bello e tutto: ma niente User Experience?
    Ne parlo da profano, ma se il contenuto è il Re, allora WIKI domina: eppure sappiamo che non è così.

    Perché nel SMM non si parla sempre di UX?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *